Cosa vedere a potenza
Basilicata,  Italia,  Potenza,  Viaggi

Potenza

Cuore pulsante della Basilicata, Potenza è una città di una bellezza inverosimile e sempre diversa.

Questo luogo di scale infinite e abitazioni graziose, dove perlopiù si respira aria di montagna, ha perso molto del suo panorama artistico e culturale a causa dei passati e numerosi eventi sismici. Tuttavia, molte sono le cose che ancora incantano i visitatori e i monumenti che ogni anno spingono i turisti a farle visita. Nelle righe sottostanti vi suggeriamo come spendere al meglio il vostro tempo durante un viaggio in città, mettendo in evidenza i maggiori punti d’interesse e le cose che proprio non potere fare a meno di visitare.

Cosa vedere

Via Pretoria

Consigliamo sempre di partire da qui per un tour della città: conosciuta anche come Sopra Potenza, questa strada ricca di localini e negozi dove poter fare shopping vi condurrà anche alla scoperta di chiese e palazzi storici.

Chiesa di San Gerardo

Considerata il maggiore luogo di culto e duomo della città, questa chiesa risale a un periodo storico che va dal secolo XII al secolo XIII. L’edificio è caratterizzato, all’esterno, da una struttura molto semplice e con una facciata principale a due spioventi. Merita la visita.

Chiesa di San Michele

Costruita in pietra a vista e situata in una zona considerata il maggior punto d’aggregazione della città, questa chiesa rappresenta uno dei monumenti storici più importanti di Potenza.

Piazza Mario Pagano

Oltre ad essere uno dei principali punti di ritrovo cittadino, questa piazza offre una posizione strategica per visitare il Teatro Stabile ed il Palazzo del Governo.

Villa Romana di Malvaccaro

Rappresenta la più importante testimonianza del passato del posto. Gli ambienti di rappresentanza della villa si sviluppano su più livelli, partendo da quello inferiore realizzato in marmo pavonazzetto.

Museo Archeologico Nazionale

Ubicato all’interno di Palazzo Loffredo, il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata è dedicato a Dinu Adamesteanu, studioso e fondatore dell’archeologia lucana.

Palazzo Loffredo

Palazzo storico situato nel cuore della città. L’edificio, la cui prima funzione fu ospitare gli uffici della sede amministrativa della contea, è valido e tangibile esempio dell’edilizia civile potentina.Si affaccia su piazza Duomo, largo Pignatari e via Andrea Serrao.

Torre Guevara

Questa imponente opera architettonica si erge nel centro storico della città di Potenza ed è un antico monumento costruito nel secolo IX d. C.

Formata da tre piani che raggiungono l’altezza di venti metri – presenta 86 scalini e 7 finestre – questa torre è stata realizzata attraverso l’utilizzo di alcune particolari pietre che si trovavano sul letto del fiume Basento. Oggi presenta un aspetto spoglio, quasi fatiscente, ma merita assolutamente la visita.

Cosa mangiare

Vi trovate in Basilicata e siete curiosi di conoscere i piatti tradizionali di Potenza? Siete esattamente nel posto giusto.

Tra i prodotti tipici lucani assolutamente da non perdere troviamo:

Lucanica

Soppressata a forma di ferro di cavallo insaporita con prezzemolo e cumino.

Pezzenta

salsiccia realizzata con le parti più grasse dl suino e speziata con aglio e semi di finocchietto selvatico.

Caciocavallo podolico

Prodotto al 100% con il latte di vacche podoliche e stagionato in grotta naturale.

Acquasale

Miscela di uova, cipolla e olio con pane raffermo.

Lagane e ceci

Una sorta di fettuccine fatte a mano condite con ceci, pomodori e basilico.

Fave e cicorie

Cicorie selvatiche accompagnate da una deliziosa purea di fave da gustare con dell’ottimo pane fresco di Matera.

Melanzana rossa

Esteticamente simile a un pomodoro per insalate con un sapore leggermente piccantino e amarognolo.

Peperoni cruschi

Particolari peperoni dolci che vengono fatti essiccare al solee poi fritti in abbondante olio come delle patatine fritte.

Baccalà crudo

Baccalà diliscato e condito con pomodori secchi, aceto, origano, olio e sale.

Involtini di pesce spada

Fettine di pesce spada tagliate in modo molto sottile con un ripieno di olive, pomodori, capperi e pangrattato.

Cutturiddi

Pezzetti di agnello insaporito con pomodori mature, alloro e cipolline.

Frittelle di riso

Dolci fritti tipici fatti con uova, latte, zucchero, farina, uvetta, vanillina, rhum, cannella e limone.

Lascia un commento