Cosa vedere a Perugia
Italia,  Perugia,  Umbria,  Viaggi

Perugia

Perugia è una pietra preziosa incastonata nel cuore verde dell’Umbria. Questa città, ricca di arte e storia, gode di un patrimonio culturale ampissimo che vale la pena scoprire e fotografare attraverso un tour attento alle sue peculiarità.

Nelle righe sottostanti vi suggeriamo dunque come spendere al meglio il vostro tempo durante un viaggio in città, mettendo in evidenza i maggiori punti d’interesse e le cose che proprio non potere fare a meno di visitare.

Cosa vedere

Cattedrale di San Lorenzo

Il principale luogo di culto cittadino risiede senza ombra di dubbio in questa cattedrale, che merita la visita anche solo per i suoi meravigliosi affreschi e decori architettonici. Vi suggeriamo di visitare anche il museo adiacente, sede di manoscritti e manufatti che custodiscono la storia della città.

Fontana Maggiore

Situata al centro di piazza IV Novembre, questa fontana risalente al XIII secolo riceve da più di 700 anni l’acqua dal monte Pacciano e rappresenta, con i suoi bassorilievi, uno dei monumenti più prestigiosi di Perugia.

Galleria Nazionale dell’Umbria

Complesso monumentale che ospita la maggiore raccolta di opere dell’arte umbra ed alcune tra le più importanti opere artistiche dell’Italia centrale dal XIII al XIX secolo.

Città della Domenica

Adagiato su una collina, questo parco costituisce una riserva naturale dove poter osservare la fauna locale e un punto di ritrovo perfetto per le famiglie. Dotato di giostre, recinti con animali e di un’animazione che intrattiene i bambini con simpatici spettacoli teatrali, è una tappa immancabile per chi desidera passare una giornata immersa nel verde e dedita alla convivialità.

Rocca Paolina

Fortezza costruita nella metà del XVI secolo per volere di Papa Paolo III e pertanto simbolo dell’autorità papale fino al 1860. Questo maestoso edificio, peraltro citato in una poesia di Carducci che ne tesseva le lodi, ospita oggi manifestazioni e iniziative culturali.

Basilica di San Pietro

Un’antica abbazia benedettina che sembra essere rimasta immutata nel tempo. L’interno con struttura basilicale a tre navate, ospita la più grande collezione di arte di Perugia, dopo la Galleria Nazionale dell’Umbria.

Il Pozzo Etrusco

Percorribile grazie ad una serie di scale che conducono al suo caldo ventre, questo pozzo – 37 metri di profondità per oltre 5 metri di diametro – è una tangibile e preziosissima testimonianza delle conoscenze idrauliche di cui erano già dotate le antiche popolazioni umbre. Un’eredità inestimabile e custodita gelosamente nel sottosuolo della città.

 

Cosa mangiare

Oltre ad essere una splendida città, Perugia vanta anche una tradizione culinaria ricca di prelibatezze. Vediamo insieme quali sono i piatti tradizionali della città.

Gnocchi al sugo d’oca

Gnocchi di patate preparati rigorosamente a mano e conditi con pomodoro, olio, aglio, pezzi di oca giovane e pecorino semi-stagionato.

Stringozzi al tartufo nero

Pasta fatta a mano (simile ai lacci delle scarpe) condita esclusivamente con il tartufo nero di Norcia.

Umbricelli al rancetto

Formato di pasta simile agli spaghetti, conditi con sugo di pomodoro, cipolla, pecorino grattugiato, maggiorana e pancetta.

Palombacci alla perugina

Piccioni selvatici salati e pepati, avvolti in fette di prosciutto.

Torta al testo

Una sorta di focaccia bianca preparata con acqua, sale e farina che a differenza della pizza tradizionale non viene fatta lievitare. Solitamente viene farcita con formaggi, salumi e verdure.

Tartufo

Senza dubbio uno dei prodotti più pregiati della città sia nella sua varietà nera che in quella più rara bianca. Il tartufo viene impiegato per insaporire i primi piatti e i secondi di carne.

Torcolo di S.Costanzo

Un dolce tipico perugino, dalla classica forma a ciambella, a base di pasta lievitata, uva passa, canditi, pinoli e anice.

Brustegnolo

Dolce a base di mais, mele e frutta secca.

Lascia un commento