Cosa vedere a Firenze
Firenze,  Italia,  Toscana,  Viaggi

Firenze

Sede e simbolo per eccellenza del Rinascimento italiano, Firenze è conosciuta nel resto del mondo come una città satura di arte, cultura, storia e poesia. Molte sono le cose che un viaggiatore, famelico e scrupoloso, dovrebbe inevitabilmente vedere durante un soggiorno nel capoluogo toscano.

Abbiamo pertanto provato a racchiudere, nella rapida guida che seguirà, delle preziose indicazioni per vivere al meglio una vacanza tra il verde e i decori architettonici di una città dal vastissimo patrimonio storico e culturale: dieci tra tutte, secondo la nostra lista di suggerimenti, le cose che proprio non potete perdervi.

Cosa vedere

1 –  Ponte Vecchio

Uno dei ponti più belli e antichi del Bel Paese e anche l’unico ad essere stato risparmiato dalle truppe tedesche durante la seconda guerra mondiale. Nulla di meglio se volete rubare alla città la sua atmosfera più romantica.

2 –  Piazza del Duomo

Un vero e proprio polo artistico che, collocato nel cuore della città, abbraccia i monumenti fiorentini più importanti, tra i quali la Cupola di Brunelleschi, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Campanile di Giotto, il Battistero di San Giovanni ed, infine, il Museo dell’Opera del Duomo.

3 – Galleria degli Uffizi

Da sempre fiore all’occhiello della città, è questa una tappa obbligatoria per gli amanti dell’arte rinascimentale e non solo.  Risiedono qui, insieme alla collezione statuaria della famiglia Medici, i capolavori di Botticelli, Leonardo, Tiziano, Caravaggio, Giotto ed altri illustrissimi artisti.

4 – Palazzo Pitti e Giardino di Boboli

Costruita da Luca Pitti nel 1457 e poi ceduta alla famiglia Medici, è la più sfarzosa tra le antiche residenze di Firenze. Oggi il Palazzo è sede di diverse gallerie monumentali a cui è possibile accedere pagando un unico biglietto. Degno di attenzione anche il giardino su cui si affaccia, un museo a cielo aperto fatto di romantici scorci paesaggistici che vale la pena vedere.

5 – Basilica di Santa Maria Novella

Un vero e proprio gioiello nel cuore di Firenze. La facciata marmorea della Basilica di Santa Maria Novella – che si erge sull’omonima piazza – è anche questa tra le opere più importanti del Rinascimento. Merita la visita anche per il Crocifisso dipinto da Giotto ed il Crocifisso ligneo scolpito da Brunelleschi.

6 – L’Antico Vinaio

Fatte tutte le visite dedite alla storia artistica e culturale della città, bisogna doverosamente abbandonarsi ai sensi e dedicarsi all’enogastronomia locale. Se volete assaggiare le specialità fiorentine è d’obbligo la sosta All’Antico Vinaio in via de Neri, un’osteria dove l’arte culinaria dell’assemblare, tramandata di padre in figlio, incontra la genuinità dei prodotti del posto.

All’interno vengono sfornati panini e schiacciate, farcite con salumi a scelta e accompagnate sempre da un buon calice di vino.

7 – Il Santo Bevitore

Altra immancabile tappa del tour enogastronomico. Situato in via di Santo Spirito, Il Santo Bevitore accoglie i turisti in un’atmosfera elegante e accogliente. Un locale dove poter gustare piatti tipici fiorentini rivisitati in chiave moderna.

8 – Casa di Dante

Situata nel centro storico della città – al civico 1 di via Santa Margherita – quella che un tempo fu l’abitazione di Dante Alighieri è oggi un museo a tre piani che riepiloga tutto quel che concerne l’arte e la cultura di una Firenze medievale e ripercorre, attraverso reperti e documenti, le tappe cruciali della vita del poeta.

9 – Galleria dell’Accademia

Non si può soggiornare a Firenze senza far visita al David di Michelangelo. La celebre statua, realizzata in marmo di Carrara, dimora qui insieme ad altre opere dell’artista.

10 – Piazzale Michelangelo

Qualunque sia il modo in cui vogliate accedervi – in auto percorrendo l’alberato Viale Michelangelo oppure a piedi, salendo le monumentali Rampe del Poggi da Piazza Poggi nel quartiere di San Niccolò – il panorama offertovi dal Piazzale Michelangelo vi solleticherà il cuore come mai prima.

Non a caso, è questo il punto d’osservazione della città più gettonato dai visitatori.

 

Cosa mangiare a Firenze

Siete in procinto di partire per Firenze e siete curiosi di sapere quali sono i piatti tipici del capoluogo toscano? Vi daremo consigli su cosa mangiare a Firenze, siete esattamente nel posto giusto

Firenze è una città ricca di storia, arte, tradizione e cultura ma anche di buona cucina: eccovi le specialità culinarie assolutamente da non perdere.

Bistecca fiorentina

Il fiore all’occhiello dell’enogastronomia fiorentina è senza ombra di dubbio la bistecca: se siete amanti della carne, la soddisfazione di vederne una nel piatto e mangiarla è impagabile.

Tradizionalmente si accompagnata ad un buon calice di chianti classico.

Ribollita

Una zuppa di pane e verdura, così rinominata perché viene fatta bollire per ben due volte. Gli ingredienti principali di questo piatto, tipicamente invernale, sono: cavolo nero, verza, fagioli, bietole, sedano, cipolle, carote e pane toscano raffermo.

Pappardelle al cinghiale

Un primo piatto sostanzioso e saporito: in alternativa alle pappardelle potete provare le tagliatelle o i pici senesi. Il ragù a base di cinghiale ha un gusto molto deciso grazie all’impiego di molte spezie tra cui alloro, carote, sedano, cipolle, pepe, rosmarino.

Lampredotto

E’ indubbiamente il protagonista dello streetfood fiorentino: un panino di trippa (precisamente si tratta dell’abomaso del bovino), impregnato del brodo di cottura e condito con una salsa verde, sale e pepe oppure olio piccante.

Cantucci

Assolutamente irrinunciabili sono i cantucci toscani: una tipologia di biscotti secchi dalla forma allungata con farina, zucchero, uova e mandorle.

Zuccotto

La più antica ricetta di Firenze è questo pan di spagna imbevuto di liquore ripieno di ricotta con scorza di agrumi e frutta candita, panna montata, mandorle e caramello con una copertura di ganache al cioccolato.

Lascia un commento