Cosa vedere ad Ancona
Ancona,  Italia,  Marche,  Viaggi

Ancona

Ancona è un posto incredibile e di innegabile fascino. Troppo spesso snobbata dalle guide che spingono i turisti alla scoperta dell’Italia, questa città possiede un copioso numero di attrattive da poter visitare ed è oltremodo dotata di innumerevoli bellezze naturali, capaci di solleticare anche il cuore del viaggiatore più distratto.

Partiamo subito, quindi, con un elenco di cose che bisogna vedere ad ogni costo se si ha come obiettivo quello di ritornare a casa con un ricordo del capoluogo delle Marche il più fedele possibile alla sua essenza ed identità.

Cosa vedere

Duomo di Ancona

Chiesa di origine medievale e opera architettonica di grande rilievo in quanto racchiude in sé sia lo stile romanico che bizantino. Parte di questo storico luogo di culto è anche il tempio costruito attorno al III secolo a.C. e dedicato alla Dea Afrodite Euplea, considerata protettrice della navigazione. Questa cattedrale infatti offre anche un’ottima vista sulla città: da qui il mito che vede la dea affacciarsi dalla stessa e vegliare sul destino dei marinai che salpavano dal porto di Ancona.

Piazza del Plebiscito

Nota anche sotto il nome di Piazza del Papa, è una delle quattro piazze principali di Ancona – le altre sono piazza della Repubblica, piazza Roma e piazza Cavour –ed offre una posizione strategica per ammirare alcuni dei monumenti più importanti tra cui il Palazzo del Governo e la Chiesa di San Domenico.

Riviera e Parco regionale del Conero

Un’area naturale protetta sita in provincia di Ancona che vale la pena di vedere per una full immersion flora marchigiana. Sotto il Monte del Conero si possono trovare incantevoli spiagge bianche, baie e grotte marine visitabili con un’escursione.

Spiaggia del Passetto

Tra le spiagge sopracitate che si estendono sotto il Monte del Conero, degna di nota è quella del Passetto: una spiaggia rocciosa situata al di sotto della rupe, accessibile grazie ad una grande e lunga scalinata bianca che scende fino alla riva del mare Adriatico.

Chiesa di Santa Maria della Piazza

Questa chiesa dallo stile romanico, situata nell’omonima piazza, fu realizzata tra il XI e XII secolo ed è ancora luogo di culto, oltre che importante monumento, per i cittadini.

Loggia dei Mercanti

Poco distante dal porto, nel cuore del centro di Ancona, si erge questo maestoso edificio risalente al 400. La facciata, in stile gotico veneziano, è dell’architetto Giorgio da Sebenico che vi lavorò dal 1451 al 1459.

Il Lazzaretto di Ancona

Conosciuto anche come Mole Vanvitelliana, l’edificio fu realizzato, sulla struttura pentagonale che oggi conosciamo, dall’architetto Luigi Vanvitelli. Questa imponente costruzione, in antichità, aveva il ruolo di ospitare persone e merci che, provenienti da paesi lontani e di possibile contagio, dovevano soggiornare qui per un periodo di quaranta giorni. Oggi è invece un luogo culturale di grande prestigio che ogni anno ospita festival e spettacoli.

 

Cosa mangiare

Se a breve sarete in vacanza ad Ancona, vi risulterà senza dubbio utile conoscere le principali specialità gastronomiche di questa città: vediamo insieme quali sono i piatti tradizionali del capoluogo marchigiano.

Vincisgrassi

Non potete non assaggiare questa deliziosa variante rustica delle lasagne. La sfoglia all’uovo è condita strato dopo strato con un ricco ragù di frattaglie di pollo, besciamella e parmigiano grattugiato.

Maccheroncini in campofilone

Spaghettini all’uovo finissimi conditi con un ragù di carne dal sapore deciso.

Coniglio in porchetta

Una speciale preparazione del coniglio che prevede l’aggiunta di sale, pepe, maggiorana, finocchietto selvatico e pancetta soffritta.

Coratella di agnello con uova

Coratella è il nome che indica le interiora dell’agnello. Queste vengono cotte e condite con prezzemolo, scorza di limone e uova sbattute.

Stocco all’anconetana

Lo stocco all’anconetana i prepara tagliando a pezzi il pesce e cuocendolo in un soffritto assieme alle patate a pezzetti, sedano, carote, cipolla e pomodori.

Brodetti di pesce

Un piatto a base di salsa di pomodoro e diverse qualità di pesce (almeno nove/dieci) tra cui seppie, sogliole, merluzzo, triglie, vongole, cozze, pannocchie, calamari.

Calcioni

Mezzelune di pastasfoglia che possono essere servite sia come secondo che al termine del pasto come dolce visto che contengono sia lo zucchero che il formaggio.

Frustingo

Uno dei dolci più antichi della tradizione culinaria marchigiana a base di frutta secca e fichi.

Lascia un commento